“ PUGLJAZZ 2006

| #1 edition 2004 | #2 edition 2005 | #3 edition 2006 |#4 edition 2007 | home |


Jazzisti Pugliesi in Rassegna  #3rd edition 2006

 

TRANI: 1 -2- 3- settembre 2006

 PIAZZA MAZZINI
inizio ore 21 (ingresso libero)


Venerdì 1 settembre
 

- ore 21,00:   URBAN SOCIETY - GAETANO PARTIPILO QUINTET
 con : Gaetano Partipilo (alto saxophone) - Pasquale Bardaro (vibes) - Mirko Signorile (piano)
Giorgio Vendola (acoustic bass) - Vincenzo Bardaro (drums)

              


Urban Society nasce dall'idea del sassofonista Gaetano Partipilo di creare una musica che sia a metà strada tra jazz di estrazione afro-americana e quel mondo di suoni "indecifrabili" che scandiscono il tempo dei giorni d'oggi. Il risultato di tutto ciò è una musica carica di elementi trasgressivi (poliritmie, risoluzioni armoniche imprevedibili, improvvisazioni estemporanee, metriche inusuali) ma allo stesso tempo innovativi.
Questo progetto vede impegnati cinque musicisti, compreso il leader, che sono nell'ordine:
Il gruppo interpreta composizioni originali interamente scritte da G. Partipilo. E' di prossima pubblicazione il primo album a nome del sassofonista  che propone con questa band due "star" del circuito mondiale provenienti dalla acclamata etichetta discografica BLUE NOTE: parliamo di Nasheet Waits, batterista rivelazione della scena newyorkese, già a fianco di nomi come Sam Rivers, Greg Osby, Andrew Hill, Stefon Harris, e del contrabbassista giapponese Azíshi Osada, partner di Bobby Watson, Lenny White ed altri ancora.


 

- ore 22,30  LINO PATRUNO & HIS BLUE FOUR
        
 Lino Patruno (chitarra) - Mauro Carpi (violino) - Giancarlo Colangelo (sax basso)
Special  Guest  Michael Supnick (trombone cornetta  USA)  Clive Riche (voce  England)



Dedicato alla musica di Joe Venuti e di Eddie Lang degli anni ’20.
Unanimemente riconosciuto come uno dei più grandi nomi dello spettacolo e della musica italiana, LINO PATRUNO, musicista jazz, attore, direttore d'orchestra, compositore, sceneggiatore e produttore cinematografico, inizia la sua carriera nelle prime jazz band degli anni '50 a Milano, tra cui la "Riverside Jazz Band" e la "Milan College Jazz Society" negli anni '70. Il successo popolare gli venne però per la sua partecipazione alla trasmissione televisiva "Portobello" con Enzo Tortora.
Con Pupi Avati ha scritto la sceneggiatura del film "Bix" che ha rappresentato l'Italia al Festival di Cannes nel 1991, curandone anche la colonna sonora assieme a Bob Wilber




Sabato 2 settembre

- ore 21,00 PINO MINAFRA SUD ENSEMBLE

Pino Minafra (tp voc) - Livio Minafra (piano) - Vincenzo Mazzone (drums perc.)
Sandro Satta (alto sax) - Lauro Rossi (trombone) - Giovanni Maier (acoustic Bass)
Carlo Actis Dato (tenor baritone sax - bass clarinet)


 

Pino Minafra in questo concerto presenta Terronia, l’ultimo disco del suo Sud Ensemble: un viaggio intorno alle radici del suo lavoro musicale in “un vissuto fatto di musica sacra, bande, arie d’opera, musica antica  e sinfonica , musica leggera, etnica, rock, jazz, improvvisata ed altro… dove il grido, la melodia, il ritmo e l’ironia convivono in uno strano equilibrio. “Un suono meridionale, che attinge da un Sud sia reale che immaginario”. Non un semplice collage, nè una cartolina musicale, ma un viaggio nel profondo che evoca ferite e lacerazioni. Attraverso sonorità molto particoari che sanno essere anche graffianti e spiazzanti; alla ricerca di un suono “che non vuole e non deve piacere a tutti”.
Significativo è l’utilizzo di brani poetici di autori come il Neruda di Canto Generale o Rocco Scotellaro, forse desueti in questi tempi di grandi disimpegni.
 
“Terronia” è per Minafra l’ultima tappa di un percorso musicale coerente e significativo. Il trombettista pugliese (ma è anche, grazie ad un megafono,  stralunato vocalist) ha proposto sulle scene di tutta Europa un linguaggio che parte dalla tradizione italiana (operistica e bandistica in primis), ma è sempre in cammino lungo le frontiere tracciate dalla musica improvvisata afro americana. Oltre alle sue produzioni (notevole quella con la banda musicale di Ruvo di Puglia) ha prestato a lungo il suo talento all’Ottetto di Gianluigi Trovesi ed ha soprattutto fondato quell’ Italian Instabile Orchestra, che è il punto di fusione, caldissima,  di una scena jazzistica nazionale sempre più vivace e sempre più in grado di proporsi all’ attenzione del pubblico internazionale. Da notare come quasi tutti i musicisti di Sud Ensemble fanno parte (con l’eccezione di Livio Minafra, figlio del leader) di quel magmatico e magnifico ensemble.



- ore 22,30 
LARRY FRANCO QUARTET " Import-Export"
 
Larry Franco (piano & vocal) Michele Carrabba (tenor sax)  Ilario De Marinis (acoustic bass)  Enzo Lanzo (drums)

La nuova formazione guidato dal pianista-crooner Larry Franco presentera' l'ultimo CD intitolato "Import-Export" sulla scia delle numerose tournee che stanno vedendo questo quartetto girare il mondo (Emirati Arabi al Philips Dubai International Jazz Festival, EuropeFest di Bucarest, Manly International Jazz Festival di Sydney, Kyneton Jazz Festival, Melbourne Italian Jazz Festival, prossimamente a ottobre e novembre allo Yokohama Jazz Promenade, Tokyo e Cuba per la settimana Italiana della Cultura, poi nel corso del 2007 delle tournee' a Jakarta Indonesia, Paraguay, Turchia, Albania e Stati Uniti.)

La pubblicità del suo ultimo disco su di una rivista specializzata recita: Larry Franco The Italian Crooner. Viene da pensare: perché crooner? E perché non arrangiatore, pianista, compositore?  Questa volta lo troviamo alle prese con un progetto singolare nel panorama jazzistico italiano, originale quanto fresco e divertente: accomunare brani appartenenti alla "mitologia" del jazz – ma non solo - a corrispondenti, per assonanza musicale, della nostra italica tradizione musicale. Ci troveremo all'improvviso ad ascoltare "I'm beginning to see the Light" di Duke Ellington, gemellata con "Maramao perché sei morto?". Oppure "Besame Mucho" con "Estate" di Bruno Martino. Per un attimo tutto questo può lasciare perplessi, ma se si interpreta lo spirito con cui il progetto è stato realizzato – tradizione e amore per il jazz – tutto diventa più semplice e gradevole.
Senza equivoci, non si tratta di un disco "frivolo", anzi estremamente ragionato in cui Lorenzo "Larry" Franco, mostra uno suo stile pianistico nitido, accurato e nello stesso tempo ricco di colori, un pianismo pastoso ed intelligente, pieno, associato ad un fraseggio senza orpelli, una voce gradevole che dà ulteriore risalto alla sua vena poeticamente colta e malinconicamente evocativa.
Franco Giustino per Jazzitalia




Domenica 3 settembre
 

- ore 21,00  FARAUALLA
                        
Gabriella Schiavone - Maristella Schiavone -Teresa Vallarella - Loredana Perrini - Paola Arnesano (voci)
alle percussioni Cesare Pastanella  e Pippo "Ark" D'Ambrosio


Formazione tutta femminile costituitasi a Bari nel 1995 ed impostasi come una delle più convincenti espressioni di quella vocalità che usa la voce come autentico strumento ed attinge ad espressioni di diverse etnie e di periodi storici differenti.  Caratteristiche che emergono sia nelle composizioni originali, che spesso evolvono a partire da una matrice improvvisativa, sia in quelle che attingono alla tradizione. Le suggestioni di un percorso attraverso culture cosi lontane fra loro (dalla Corsica alla Bulgaria a Thaiti, dai gitani ai moravi, dall’Ars Nova ai giorni nostri) riescono però a fondersi in una sintesi originale in cui emergono con forza anche le radici culturali del gruppo.  La Puglia è infatti presente nel suono del quartetto, come negli strumenti a percussione che accompagnano l’esecuzione; e perfino nel nome stesso del gruppo che tare origine da una delle cavità carsiche più profonde dell’altipiano delle Murge.
 



SPECIAL EVENT
- ore 22,30 
BEPI D'AMATO - NICO GORI - LUCA VELOTTI - PINO PICHIERRI
"Clarinet Summit"
dedicato a BUDDY DE FRANCO

with Tony Pancella Trio

Tony Pancella (piano)  Ilario De Marinis (acoustic bass)  Enzo Lanzo (drums)

Buddy De Franco, Mr. Clarinet rappresenta la storia del clarinetto nel mondo, come Charlie Parker lo e' per il sassofono e come Dizzy Gillespie per la tromba.  Ha suonato praticamente con tutti i piu' grandi, da Duke Ellington a Gershwin, da Frank Sinatra a Ella Fitzgerald, Oscar peterson e tanti altri.  In esclusiva per Pugjlazz chiudera' la terza edizione del Festival con uno spettacolare "Clarinet Summit" insieme al suo alter Ego Italiano: Bepi D'Amato, clarinettista abbruzzese di grandissimo pregio.

PURTROPPO PER UNA IMPROVVISA MALATTIA BUDDY DE FRANCO NON POTRA' INTERVENIRE.
IL CLARINET SUMMIT SARA' FATTO IN SUO ONORE DA 4 FRA I MIGLIORI CLARINETTISTI ITALIANI.

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
direzione artistica: Ilario De Marinis
in collaborazione con
Associazione Culturale Altre Note - www.altrenote.com